Venezuela, Sandoval: “Trump avanti tutta, ora transizione”

“La parola chiave è transizione, che poi vuol dire cambiamento di governo; a pronunciarla è appena stato Rex Tillerson, il nuovo segretario di Stato americano”: a parlare con la DIRE è Claudio Sandoval, professore di diritto internazionale dell’Universidad metropolitana di Caracas, ora negli Stati Uniti per un corso ad Atlanta. Il tema delle lezioni è l’impatto della “revolucion bolivariana” sulle relazioni tra gli Stati Uniti e i Paesi dell’America Latina. Una storia già difficile che adesso, con l’ingresso alla Casa Bianca di Donald Trump e dall’altra parte Nicolas Maduro al posto di Hugo Chavez, rischia di prendere una piega ancora più preoccupante. “Di ‘transizione’ Tillerson ha parlato in un’intervista al blog ‘Latin America Goes Global’” dice Sandoval: “L’idea è che sia necessario un cambiamento, da realizzarsi attraverso elezioni, con una decisione popolare”.

Le relazioni tra Caracas e Washington erano complesse già ai tempi di George Bush e di Barack Obama. L’ultima conferma è un’inchiesta americana cominciata quattro anni fa, che questo mese ha portato alle sanzioni nei confronti del vice-presidente venezuelano Tareck Aissami. Proprietà e conti bancari confiscati con l’accusa, sottolinea il dipartimento del Tesoro, di avere “un ruolo di rilievo nel traffico internazionale di stupefacenti”. Secondo Sandoval, i risultati dell’indagine non erano stati resi pubblici da Obama per timore di compromettere il dialogo avviato dalla sua amministrazione con Cuba, alleata tradizionale del Venezuela.

Una preoccupazione che con Trump sarebbe saltata, anche per le pressioni esercitate sul neo-presidente dalle lobby del Congresso a maggioranza repubblicana. “A chiedere la linea dura è anzitutto il gruppo legato a Marco Rubio” spiega il professore. Convinto che le tensioni potrebbero crescere nonostante Trump appaia intenzionato a rafforzare un’alleanza anti-terrorismo con la Russia. “Per Mosca – spiega il professore – l’asse con Caracas ha un valore strategico che va al di là delle relazioni economiche”. In questo contesto si inserisce la mediazione in Venezuela della Santa Sede, attenta alle rivendicazioni popolari e in prima fila nel sostegno a un tavolo negoziale tra il governo e l’opposizione. “Al riguardo la politica americana è stata oscillante” dice Sandoval. “L’ultimo segnale è stata però la richiesta di scarcerazione di Leopoldo Lopez, il politico di opposizione più popolare, condannato a 14 anni di carcere”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

http://www.dire.it/21-02-2017/107182-venezuela-sandovan-trump-avanti-tutta-ora-transizione/

Advertisements

U.S. Sanctions Venezuela Vice-President over Drug Trafficking Claims

Interviewed by the BBC World Service some minutes ago (02/13/2017). Also, find below additional comments from this conversation.

Five potential implications on this matter (news: https://www.treasury.gov/press-center/press-releases/Pages/as0005.aspx?src=ilaw).

1. Punch in the face of President Maduro.

1. By calling the Executive Vice President of Venezuela a prominent drug trafficker, The trump administration implies that Venezuela is a kleptocracy.

2. This could become the official beginning of an undiplomatic relationship between the Trump Administration and the Venezuelan government, characterized by verbal attacks from different directions: Microphone diplomacy.

3. It is worth mentioning that the former Venezuelan Ambassador to the Organization of American States, Mr. Roy Chaderton, advised President Maduro to be cautious and wait for President Trump’s first move.

2. A Message.

4. We do not want Tareck El Aissami as your potential successor.

3. Extradition order or arrest warrant through INTERPOL.

5. As the Executive Vice President of Venezuela, Tareck El Aissami has diplomatic immunity. However, he might not want to take the risk and travel overseas.

6. There is some precedent. For example, the detention of retired Venezuelan General, Hugo Carvajal, in Curacao (2014), under similar charges. Last year, President Maduro’s nephews were found guilty on drug charges at a US court. It is not just a deterrence policy. The United States has demonstrated to be serious about this issue.

4. A more radical behavior is expected.

7. The ruling elite would want to remain in power at all cost. The other choice is prison.

8. From this point of view, these sanctions are not helpful because the ruling elite will not see a safe exit from power.

5. The dialogue

9. It could represent a threat to the dialogue, an initiative between the government and the opposition, endorsed by the Vatican and the United States.

10. Now that one of the main supporters of these talks is attacking one of the government’s principal negotiators, it could be the end of the conversation: I will not endorse something where a drug lord is participating. It would be a contradiction to talk to someone you call “Prominent Venezuelan Drug Trafficker”.

11. On the other hand, it could be a carrot and stick strategy to put the government under pressure and force Maduro to meet some demands such as liberating political prisoners like Mr. Leopoldo Lopez and celebrating regional, municipal and presidential elections, etc.

How far does the US government want to go, remains an open question.